Equiseto per problemi alle ossa ed anemie

equiseto, dottor mozzi: ottimo rimedio per osteoporosi ed anemie

L’ equiseto, noto anche come coda cavallina, è una pianta che prospera lungo fiumi e torrenti, comune in quasi tutto il pianeta. Per molti contadini è un erba infestante, di cui è difficile sbarazzarsi, ma in ambito erboristico l’equiseto ha proprietà interessanti.

Infatti è considerata un erba officinale a tutti gli effetti, che è possibile utilizzare come rimedio, o prevenzione, verso diversi problemi a livello articolare ed osseo e in caso di anemie (carenza di ferro, emoglobina ecc..).

Proprietà dell’Equiseto

La sua proprietà principale è il suo alto contenuto di silice, elemento indispensabile per la sintesi delle fibre di collagene presente nella cartilagine. La carenza di silicio nell’organismo infatti causa una riduzione del collagene che tiene insieme le molecole della nostra cartilagine. Un basso tasso di silicio causa la demineralizzazione dell’osso e di conseguenza l’osteoporosi, per questo l’equiseto può essere un valido aiuto per la salute delle ossa e per curare anche unghia e capelli.

Questa pianta ha anche un alto contenuto di carbonato di calcio, solfato di potassio, magnesio, ferro, manganese, da qui la sua ottima azione remineralizzante, soprattutto in caso di anemie.

Consigli del dottor Mozzi

equiseto tintura madreIl dottor Mozzi consiglia l’utilizzo dell’Equiseto soprattutto in forma di tintura madre per un azione più marcata, oppure come infuso per un azione più blanda da ripetere più volte al giorno.
Il dottor Mozzi lo consiglia per TUTTI I GRUPPI SANGUIGNI

L’equiseto è indicato per

  • decalcificazioni
  • demineralizzazioni
  • carenze di minerali
  • osteoporosi
  • anemie
  • oliguria
  • ritenzione di liquidi.

Potrebbe interessarti:

Mirtillo rosso, contro la cistite e non solo Il mirtillo rosso (Vaccinium vitis-idaea), in inglese Cranberry, è un piccolo arbusto sempreverde facente parte della famiglia delle Ericaceae, che cresce nelle zone dai climi boreali, in particolare nel Nord America e in alc...
Semi ed olio di sesamo: un’immensa miniera di calcio, ma non per tutti. Il sesamo (Sesamum indicum L.), è una pianta annuale erbacea che può raggiungere il metro d’altezza; produce dei frutti simili a piccole capsule contenenti dei semi ovali e piatti, dai quali si ricava un olio di buona qualità...
Mandorle: un pieno di salute La mandorla è il frutto commestibile dell'albero del Mandorlo (Prunus Amygdalus). L'albero del Mandorlo, originario dell'Asia sud-occidentale, appartiene alla famiglia delle Rosaceae. Il mandorlo, oltre che per i suoi frutti,...
Le infinite proprietà dell’Ortica L'ortica (Urtica dioica, L.) è ampiamente diffusa in Europa, Asia, Nord Africa e Nord America. E' una pianta temuta per le sue proprietà urticanti, dovute alla gran quantità di peli che rivestono il gambo e le foglie e che in...
Bacche di rosa canina: un concentrato di vitamina C Quando si parla di vitamina C vien normale pensare subito alle arance. Tuttavia tra i frutti più ricchi in assoluto di questa preziosa vitamina, non troviamo le arance, ma le bacche di rosa canina. Come scoprirai continuando ...
  • Elfo DeiBoschi

    Buonasera. L’uso dell’equiseto in tintura madre mi procura dolori addominali. Ho sospeso e poi riprovato e purtroppo gli effetti negativi si ripresentano. Esiste un’alternativa fitoterapica o l’uso delll’equiseto in maniera diversa che in TM? Soffro di osteoporosi e a parte la dieta per il gruppo b non mi curo diversamente per tenere sotto controllo questo problema. Mangio frutta secca: 4 noci e 4 mandorle al giorno. Piu’ uno o due frutti freschi consentiti al mattino per colazione. Troppa frutta? Lo chiedo perche’ non riesco a liberarmi di un dolore a un ginocchio per il quale dovrei fare ormai qualche accertamento, il dolore e’ pressoche’ presente tutti i giorni da sei mesi. Grazie.

    • http://dietagrupposanguigno.it/ Massimo Pignotti

      buongiorno Elfo,
      l’equiseto si può assumere anche sottoforma di infuso. Si acquistano gli steli tritati ed essiccati in erboristeria e poi si usano come un tè per preparare degli infusi caldi. In alternativa all’equiseto anche l’ortica è un buon rimeneralizzante per le ossa.

      Se ha dolori il dottore consiglia di sospendere tutti i dolci, gli zuccheri e anche la frutta. Poi io aggiungerei di provare con l’impacco di cavolo, che è straordinario per togliere i dolori muscolari e articolari. L’ho provato personalmente per il mal di schiena e tempo una notte e il dolore è sparito.

      Qui trova l’articolo che le spiega come fare gli impacchi: http://dietagrupposanguigno.it/impacchi-foglie-cavolo-panacea-dimenticata/

      • Elfo DeiBoschi

        La ringrazio, provero’ cosi’ per vedere se va meglio, in caso contrario annoverero’ l’equiseto fra i rimedi per me intolleranti.
        Ci tengo a testimoniare che a un anno dalla dieta ho ridotto al minimo i miei grandi dolori alle ossa. Sono affetta da osteoporosi grave ma presto effettuero’, a distanza di due anni un secondo controllo per vedere come vanno le cose. Sto calando gli apporti zuccherini, diminuendo la frutta fresca e gia’ avverto i benefici a un ginocchio di cui un dolore era cronico, e a livello di testa pesante al mattino, mi sento meglio e i miei piccoli acufeni si sono anche ridotti.
        Per la puntata di Porta a Porta di ieri sera. Avevo avvisato tutti i miei amici, conoscendo il pensiero di Vespa e Calabresi e i loro precedenti attacchi alla dieta dei gs, che non c’era da farsi illusioni, sarebbe stato un attacco premeditato. Con cio’ tranquillamente mi sento di affermare che l’esperienza non fa che rendere tutti noi piu’ determinati e fiduciosi nella conoscenza sempre piu’ ampia dell’emodieta, che da se’ porta i suoi frutti, senza l’aiuto dei media asserviti alle lobbies. Ma soprattutto il Dottor Mozzi potra’ rendersi conto di quanto il suo lavoro e la sua abnegazione nei suoi metodi che conosciamo, mercatini, telecolor, conferenze, siti web, suoi preziosissimi libri, siano la sua reale missione: quella di aiutare i sofferenti e le persone malate, ovvero tutti quelli che hanno sperimentato e sperimentano su loro stessi l’applicazione della dieta dei gs. Grazie Massimo per la tua disponibilita’. Grazie Dottor Mozzi: dopo ieri sera ti voglio ancora piu’ bene.
        Vespa, senza nemmeno inquadrarne la copertina, ha sbeffeggiato il libro del nostro dottore, buttandolo con scherno e violenza sul piano d’appoggio accanto alla poltrona di Mozzi. Questo gesto parla da se’. I libri di Vespa e quelli di Calabresi sono super pubblicizzati ma il libro di Mozzi per loro e’ una minaccia paurosa, pare piu’ venduto dei loro…. Di qui la ragione dell’invito del mansueto e grande dottor Mozzi alla trasmissione, renderlo ridicolo alle masse dei teleutenti. Chissa’ chi e’ risultato il piu’ ridicolo ier sera :)………
        Avanti e coraggio.
        Buon anno nuovo Massimo, Buon Anno Dottor Mozzi.

        • http://dietagrupposanguigno.it/ Massimo Pignotti

          Grazie per aver condiviso la tua esperienza Elfo.
          Non so se ne sei al corrente, ma giovedì questo (21 Gennaio) il dottor Mozzi tornerà di nuovo in “trasferta” a Roma per un’altra puntata di Porta a Porta. Evidentemente non gli è andata giù la trasmissione dell’altra volta :)

          • Elfo DeiBoschi

            Ciao Massimo.
            Sono al corrente ma non credo a una conversione di Vespa e Calabresi. Piuttosto avranno interesse a rifarsi una reputazione dopo il loro comportamento poco signorile. Per il resto continueranno a perorare la loro causa. Mi pare da capire dalla tua risposta che sia Mozzi a desiderare di tentare di nuovo ma se la Rai e’ d’accordo e’ solo per affondare meglio e con più’ maestria il suo stilo. Gli interessi sono troppo alti per la famosa coppia che pero’ deve tener conto della grossa platea d’utenza web che sta con Mozzi, e senz’altro temere un bel boomerang, in qualsiasi modo finisca la serata. La dieta del gruppo sanguigno e’ una realtà’, io oso dire che e’ scienza. Nessuna ultima parola di nessun Vespa e di nessun Calabresi potrà’ averne ragione e arrestarla. Grazie a te per l’attenzione.